Mittelfest

Mittelfest

logo_mittel
2016 – TERRA! e all’orizzonte i fuochi – 16 – 24 luglio – Cividale del Friuli (UD)

Terra! È il richiamo a ciò che sta sotto i nostri piedi, il suolo in cui affondano le radici. Terra è l’elemento che ci offre le sue risorse, il nutrimento primario dell’umanità. Ma è pure il sentiero che percorriamo nei nostri spostamenti, ogni giorno. Terra è Pianeta, quindi il suo clima. Ma è anche Materia, cioè madre, la nostra origine, la nostra sicurezza.

Terra! Raccontano che fosse il grido lanciato dall’equipaggio di Cristoforo Colombo all’apparire dei primi fuochi, laggiù nel Nuovo Mondo. Ma è anche l’esclamazione che sorge spontanea davanti alle devastazioni del territorio, oggi occupato e sequestrato in nome del profitto, ridotto a massa di cemento, o a distesa arida, discarica dove bruciano, con alte colonne di fumo, i nostri rifiuti.

Alla Terra va quest’anno la dedica di Mittelfest.

2015 > 2017. Acqua. Terra. Aria.

Mittelfest è musica, teatro, danza, cinema, incontri. Mittelfest è una città – Cividale – che del suo paesaggio e dei dettagli urbani ha fatto un palcoscenico. Da 25 anni, ogni estate, in Friuli Venezia Giulia, Mittelfest accende i riflettori su una comune identità europea. Ma soprattutto, contribuisce a modellarla.

Nei suoi cartelloni, Mittelfest ha accolto il lavoro di maestri come Pina Bausch, Eimuntas Nekrosius, Luca Ronconi, e il racconto di testimoni come Biljana Srbljanović e Lech Wałęsa. Ha dato spazi alle storie di Peter Handke, Vaclav Havel, Claudio Magris, Krysztof Kieślowski, e rivelato pagine inedite di Franz Kafka e Pier Paolo Pasolini. Ha saputo far tesoro delle parole di poeti e della sensibilità di compositori, da Wisława Szymborska a Sofia Gubajdulina.

Ha ospitato star come Isabelle Huppert, Franco Battiato, Mikhail Baryshnikov, ma non ha tralasciato i fermenti nuovi, che la sua posizione geografica gli ha permesso di intercettare: registi e coreografi come Tomaž Pandur e Ivica Buljan, Josef Nadj e Angelin Preljocaj. Molte figure della contemporanea scena italiana, sono passate a Cividale prima affermarsi internazionalmente: Emma Dante, Pippo Delbono, Antonio Latella.

Con il nuovo progetto 2015 – 2017, il festival Mittelfest rivolge la propria attenzione alla valorizzazione e alla salvaguardia degli ambienti naturali e alla funzione che le vie d’acqua (2015), di terra (assieme al fuoco nel 2016) e d’aria (2017) hanno sempre svolto: elementi naturali e veicoli di migrazione, di incontro e di dialogo tra popolazioni e civiltà.

La Storia

Mittelfest, nato nel 1991 nello scenario cruciale del crollo dei regimi totalitari dell’Europa centro- orientale, rappresenta una delle più prestigiose vetrine della prosa, la musica e la danza dell’area Mitteleuropea e dell’ambito geopolitico incluso nell’Iniziativa Centro Europea (InCe – Cei), istituzione che riunisce Albania, Austria, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Italia, Macedonia, Moldova, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Ucraina.

Negli anni che precedettero il crollo del Muro di Berlino, infatti, la regione italiana Friuli Venezia Giulia – estremo lembo nord est del Paese, da sempre terra di frontiera e cerniera con l’est Europa – diventò parte attiva nel processo di disgelo tra Est e Ovest, in un’ottica di superamento delle rigidità della Cortina di Ferro. Lo fece inaugurando un’associazione interregionale che comprendeva in un primo tempo anche il Veneto e la Lombardia, la Carinzia, il Salisburghese, la Baviera, la Slovenia e l’Istria. A queste regioni si aggiunsero successivamente ben quattro province (contee) ungheresi, integrando così in un disegno di collaborazione regioni che facevano parte della Nato e del Patto di Varsavia. Fu un periodo interessante dal punto di vista della reciproca conoscenza e dello scambio culturale. Fu soprattutto la premessa pacifica di ciò che venne dopo, ovvero il crollo del Muro di Berlino, dei regimi comunisti all’Est, la nascita della Nuova Europa: era il 1989.

Mittelfest – nato in una regione, il Friuli Venezia Giulia, che più di ogni altra in Italia conserva e coltiva le proprie radici mitteleuropee – è diretta espressione culturale delle importanti premesse gettate dal legame di queste regioni europee, dell’area Alpe Adria. La tradizione della Mitteleuropa è rinata a Cividale dalle ceneri della Cortina di ferro per essere la vetrina di una cultura che da varie esperienze nazionali ha creato una nuova concezione del mondo, come capirono con lungimiranza proprio i governanti d’Italia, Austria, Jugoslavia e Ungheria che pochi giorni dopo la caduta del muro di Berlino crearono la cosiddetta Quadrangolare, che negli anni si è allargata a 19 nazioni del centro e dell’est Europa dando vita all’Ince-Cei, Iniziativa Centro Europea.

In un ventennio di eccezionale importanza storica per i Paesi dell’Europa centro orientale, MittelFest ha esplorato la storia, le identità, le differenze di questi popoli e di quest’area geografica; ha affrontato il dramma della guerra e la complessità delle transizioni; ha proposto al pubblico la ricchezza delle grandi tradizioni e l’immensa eredità di personaggi come Kafka, Pasolini,Bartok, Canetti; ha infine valorizzato questo territorio come grande crocevia di popoli e culture.

Per oltre vent’anni il festival cividalese ha ospitato straordinari spettacoli e grandi protagonisti, italiani e internazionali: da Pina Bausch a Soeur Marie–Kairuz, da Mikhail Baryshnikov a Ramzi Aburedwan, Isabelle Huppert, Moni Ovadia, Giya Kancheli eNatalia Gutman, Luca Ronconi, Tomaz Pandur, Brad Meldhau, Stefano Bollani, Emil Kosturica, Lina Wertmuller, Adriana Asti,Richard Galliano solo per citare alcune delle presenze più recenti.

Accanto a questi vanno ricordati i nomi degli scrittori, i drammaturghi e gli intellettuali che, a vario titolo, hanno partecipato negli anni alla realizzazione di Mittelfest, basti citare Vaclav Havel, George Tabori, Giorgio Pressburger, Claudio Magris, Carlo Ginzburg, Tadeusz Bradecky, Peter Esterhazy, Biljana Sbrljanovic, Peter Handke, Jerzy Stuhr e molti altri.

Mittelfest è anche su Instagram

CONTATTI

Tel. 0432/730793
e-mail: info@mittelfest.org
Sito Web: http://www.mittelfest.org

SERVIZI

Dove siamo

Stretta San Martino, 4 – CAP 33043 – Cividale del Friuli (Udine) – Friuli-Venezia Giulia

Sto caricando la mappa ....