Prosegue con l’anteprima assoluta MDLSX dei Motus la 45a edizione del Santarcangelo Festival 15

Prosegue con l’anteprima assoluta MDLSX dei Motus la 45a edizione del Santarcangelo Festival 15

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In biblioteca appuntamento quotidiano con i libri viventi di Mette Edvarsen: da Così parlò Zaratustra a Lessico famigliare, da L’Analfabeta e Il fucile da caccia, a Bartleby the Scrivener e I am a Cat. Sei ascolti ispirati a Farenheit 451

Ad aprire la seconda giornata di Santarcangelo Festival 15 alle 15,30 al Supercinema sarà The Moscow Trials di Milo Rau sulla vicenda delle Pussy Riot, attiviste punk arrestate e processate a Mosca nell’estate del 2012 per la loro performance nella Cattedrale del Cristo Salvatore.

Alle 20 al Teatrino della Collegiata Silvia Calderoni metterà in scena il suo coming-out teatrale, dopo dieci anni con Motus, nell’anteprima assoluta MDLSX, indagine sul confine tra maschile, femminile, i generi e la loro valenza soggettiva e politica.

Al Lavatoio alle ore 20 il coreografo Arkadi Zaides in Archive seleziona e rivede i materiali filmati dai volontari del B’Tselem Camera Project di Tel Aviv, compiendo un’esplorazione artistica del conflitto israelo – palestinese.

Due le proposte gratuite per questa giornata: alle 20.30 allo Spazio Saigi CollettivO CineticO presenta Ballroaming, dove i partecipanti ascolteranno la stessa playlist musicale in cuffia e seguiranno le indicazioni sui movimenti da eseguire collettivamente in contemporanea. Alle 21.30 in Piazza Ganganelli i processi di trasformazione e rinnovamento del tessuto urbano e sociale del complesso abitativo Rabot Towers di Ghent (Belgio) vengono presentati da Rabot 4-538 di Simon Allemeersch.

Proseguono alla Biblioteca A. Baldini gli ascolti dei “libri viventi” (Così parlò Zaratustra, Lessico famigliare, L’Analfabeta, Il fucile da caccia, Bartleby the Scrivener, I am a Cat) con Time has fallen asleep in the afternoon sunshine di Mette Edvardsen (ore 10.30-12—30. 15-18), la Piattaforma della Danza balinese nella Sala del Consiglio comunale (ore 17-19) e Azdora di Markus Ohrn allo Spazio Saigi (ore 19-22, ritual#2 ore 19.30). Sempre di Ohrn al Supercinema da mezzanotte alle 24 The Magic Bullet, montaggio di 49 ore sulla censura svedese. In Piazza Ganganelli Audio Guide (ore 10.30-12.30, 17-21) di Cristian Chironi e Antologia di S. (ore 10-2) di Muta Imago accompagnano i visitatori in un itinerario sonoro tra uno spazio pubblico e d uno privato.

Alle 16.30 in Piazza Ganganelli Cinetico4.4 di Collettiv0 Cinetic0 negozia ed inventa con i partecipanti nuove regole che sfidino le convenzioni teatrali, mentre alle 17 all’arco di Piazza Ganganelli Il grande rifiuto del collettivo Ligna ipotizza una storia europea mai verificata. Alle 21.30 all’Hangar Nero Timeloss di Amir Reza Koohestani getta uno sguardo sull’Iran di oggi, mentre alle 22.30 al Supercinema Bela Pinter and Company raccontano con Our Secrets la Budapest degli anni Ottanta.  All’Hangar Bianco alle 22.30 Christophe Meierhans con Some use for your broken clay pots immagina insieme al pubblico un nuovo ordinamento costituzionale per uno stato democratico fittizio.

Numerose le proposte ad ingresso libero. In Piazza Ganganelli il film Piattaforma della Danza balinese alle ore 15, alla Scuola Elementare Pascucci le mostre DET/una frazione di secondo di Strasse (ore 10-13, 18-23), la videoinstallazione Capture Practice di Arkadi Zaides (ore 10-13, 18-23), 1 place and 14400 seconds di Maria Lucia Cruz Correia (ore 10-13, 18-23), nel cortile della Scuola Elementare Pascucci gli incontri tra Milo Rau e Daniel Blanga-Gubbay (ore 11), Leonardo Delogu e Pablo Georgieff, Michele Bee (ore 15) e Amir Reza Koohestani (ore 18) nell’ambito del progetto The School of Exceptions (ore 18), il progetto The Political Party di Michiel Vandevelde (ore 11-13, 15-20), a Mutonia la mostra Vertigo Truth (ore 17-22). Alla Scuola Elementare Pascucci inaugura la mostra Aula 2B (ore 10-13, 16-23; opening ore 12 e 19) di Anna Biagetti, Margherita Morgantin, Filippo Tappi e Italo Zuffi, un “formato incongruo” che prevede strutture performative in forma sia espositiva sia laboratoriale.

La giornata si conclude con il programma di concerti Chiamatemi Ismaele Suoni in attesa di ascolto in Piazza delle Monache dalle 22.30 e il dj set/live set per il Dopofestival nel cortile della Scuola Elementare Pascucci dalle 23.30. Sabato 11 in Piazza delle Monache ci saranno i Voodoo Sound Club, miscela esplosiva di funky, afrobeat, jazz e molto altro.

La biglietteria è aperta in piazza Ganganelli. Prevendita telefonica fino a sabato 18 luglio dalle 10.30 alle 13.00 telefonando al numero 0541 622665.

Sono previste varie forme di abbonamento.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *