FUS: il 21 luglio il Consiglio di Stato si esprimerà sulla sospensiva

FUS: il 21 luglio il Consiglio di Stato si esprimerà sulla sospensiva

Come anticipato (qui), martedì 5 luglio il Presidente di Italiafestival l’Ufficio di Presidenza Federvivo ha incontrato il Direttore Generale dello Spettacolo per conto del MiBACT dott. Cutaia, per un comune confronto sugli esiti della recente pronuncia del TAR Lazio avverso il MiBACT e il DM 1° luglio 2014,  le possibili ricadute sul sistema e le iniziative a tutela delle imprese aderenti.

Come è noto, il Consiglio di Stato, su richiesta immediata di sospensiva avanzata dal MiBACT, ha disposto la sospensione del provvedimento, scongiurando così il blocco totale del sistema che è rimasto tecnicamente fermo solo per 48 ore.

Il prossimo 21 luglio il Consiglio di Stato tornerà ad esprimersi sull’atto monocratico di sospensiva, ma al riguardo si registra, da parte ministeriale, un cauto ottimismo.
Al contempo gli uffici della Direzione Generale sono nuovamente nelle condizioni di procedere alla erogazione, ai soggetti in regola con i previsti requisiti, dei saldi 2015 e degli acconti 2016, con l’avvertenza della previsione sulle relative comunicazioni della postilla “fatto salva la ripetizione delle somme” che viene obbligatoriamente apposta in attesa della pronuncia di merito del Consiglio di Stato.

Sono state altresì calendarizzate le sessioni delle Commissioni Consultive – chiamate ad esprimersi sul parametro della qualità artistica – nelle seguenti date:
18-19 luglio settore teatro
20-21 luglio settore danza
24-28 luglio settore circo/spettacolo viaggiante
28-29 luglio settore musica
28 luglio multidisciplinarietà

La Direzione Generale ha inoltre comunicato che entro la fine del prossimo mese di settembre saranno concluse le procedure di assegnazione dei contributi per l’esercizio 2016.
Infine, la stessa Direzione Generale ha informato che si sta valutando l’opportunità di un intervento legislativo atto a salvaguardare il pregresso in attesa che una nuova legge quadro possa superare le criticità del DM 1 luglio 2014 emerse dai ricorsi.