Le Settimane Musicali Meranesi 2017

Le Settimane Musicali Meranesi 2017

Damian Pertol

Un apSettimane musicali meranesi 2015puntamento imperdibile per tutti

gli amanti della musica, non solo classica.

Nei loro ormai 32 anni di vita, le Settimane Musicali Meranesi – un festival di musica classica per veri intenditori – è diventato uno degli eventi musicali più attesi e apprezzati, Articolato nelle sezioni classic, barocco, colours of music, matinée classique e vox humana, anche quest’anno il calendario dei concerti conferma in pieno il livello esclusivo del festival meranese, che figura tra gli appuntamenti più ambiti del panorama musicale classico internazionale.

A salire sul palcoscenico di Merano sarà letteralmente il “mondo” della musica, e che questo privilegio tocchi proprio alla città sul Passirio non è certo scontato. Ma d’altra parte, Merano ha un ventaglio d’attrazioni da fare invidia a qualsiasi metropoli: oltre al connubio ideale fra la vegetazione mediterranea e una spianata di montagne considerate fra le più belle delle Alpi, una peculiarità esclusiva di questa città sono anche i palcoscenici che è in grado di offrire agli artisti di tutto il mondo: gli spettacoli in tabellone, infatti, non si tengono solo nel Kursaal, ma anche nella grande sala dei cavalieri di Castel Tirolo, nel palazzo in stile liberty del Teatro Puccini, nello smagliante Pavillon des fleurs, fra le mura del castello di Scena, nella salone barocca del Palais Mamming e nella chiesa parrocchiale di Lana, che col suo insigne altare di Schnatterbeck è considerata un gioiello dell’arte tardogotica altoatesina.

È superfluo sottolineare che ogni concerto è un appuntamento da non perdere. Come sempre, il cuore del programma è costituito dalle serate sinfoniche (classic): l’inaugurazione del 23 agosto è affidata alla Baltic Sea Philharmonic diretta da Kristjan Järvi, con il “bambino prodigio” Alexander Malofeev nel ruolo di solista al pianoforte. Seguiranno poi a stretta scadenza la Asian Youth Orchestra guidata dalla bacchetta di James Judd e con la presenza del pianista solista Gerhard Oppitz, ma anche l’Academy of St. Martin in the Fields diretta dal violinista Daniel Hope, l’orchestra MusicAeterna guidata da Teodor Currentzis, la NDR-Elbphilharmonie Orchester di Amburgo diretta da Juraj Valcuha, la Mahler Chamber Orchestra diretta da Rafael Payare (solista: Patricia Kopatchinskaja) e la Philharmonia Orchestra London con Esa-Pekka Salonen.

Come già detto, il ciclo di musica sinfonica al Kursaal è il cuore pulsante delle Settimane Musicali Meranesi. Ma anche gli altri cicli di concerti sono ai massimi livelli. Quest’anno la 32esima edizione del festival meranese porrà una particolare attenzione alla musica barocca, con il violinista Kristóf Baráti e l’organista titolare della nuova Elbphilharmonie di Amburgo, Iveta Apkalna, con la celebre sopranista tedesca Simone Kermes, che presenterà al Kursaal la sua incisione “Love” accompagnata dal ensemble italiano La Magnifica Comunità e la giovane formazione 4 Times Baroque.

Il concerto notturno con la nota cantante Ute Lemper (“Last Tango a Berlin”) inviterà a un affascinante viaggio musicale che parte da Berlino della Repubblica di Weimar per giungere poi a Parigi e Buenos Aires. Per questi e tanti altri motivi, le Settimane Musicali Meranesi sono davvero un appuntamento imperdibile, non solo per gli appassionati di musica classica.

Sito: www.meranofestival.com