Traiettorie 2019 – Concerto Mario Caroli e Akiko Okabe

Traiettorie 2019 – Concerto Mario Caroli e Akiko Okabe

Traiettorie 2019- Concerto Mario Caroli e Akiko Okabe
XXIX Rassegna Internazionale di Musica Moderna e Contemporanea

Domenica 17 novembre 2019
Casa della Musica di Parma, ore 20:30

Mario Caroli e Akiko Okabe
con il sostegno di Pro Helvetia, Fondazione svizzera per la cultura

Programma della serata:

Toshio Hosokawa (1955)
Lied (2007)
per flauto e pianoforte

Robert Schumann (1810-1856)
Tre Romanze, op. 94 (1849)
versione per flauto e pianoforte

Beat Furrer (1954)
presto
(1997)
per flauto e pianoforte

Werner Bärtschi (1950)
Toccata a due (1987)
per flauto e pianoforte
*Prima esecuzione italiana

Klaus Huber (1924-2017)
…Plainte… I (1990-1993)
per flauto in sol

André Jolivet (1905-1974)
Sonata (1958)
per flauto e pianoforte
– Fluide
– Grave
– Violent

Organico:
Mario Caroli, flauto
Akiko Okabe, pianoforte

Si chiude alla Casa della Musica il 17 novembre alle ore 20:30 con un punto esclamativo la ventinovesima edizione di Traiettorie, la rassegna di musica moderna e contemporanea che quest’anno ha formulato un omaggio alla musica tedesca con nove concerti e interpreti fra i più importanti della musica di oggi. Nove concerti, oltre quaranta pezzi eseguiti, interpreti di primo piano come Markus Stockhausen, il Quartetto Arditti, Pierre-Laurent Aimard, Hae-Sun Kang, l’ensemble Accroche Note e Klangforum Wien, che ha aperto la rassegna il 27 settembre: Traiettorie ha confermato anche quest’anno la sua posizione prioritaria nel campo del concertismo contemporaneo in Italia e preparato il terreno al compimento del suo trentesimo anno di vita che cadrà nel prossimo 2020.

Il punto esclamativo di questa chiusura è il ritorno di uno dei più grandi flautisti in attività, Mario Caroli, che insieme alla pianista Akiko Okabe porta a Traiettorie un programma di altissima qualità e difficoltà tecnica che comprende tre pezzi deliziosi, «Lied» (2007) di Toshio Hosokawa, la «Sonata» (1958) di André Jolivet e «presto» (1997) di Beat Furrer. La componente svizzera in questo programma, realizzato con il sostegno di Pro Helvetia – Fondazione svizzera per la cultura e di Fondation Suisa, è del resto spiccata, dal momento che insieme al pezzo di Furrer si ascolteranno anche la prima italiana di «Toccata a due» (1987) di Werner Bärtschi e «…Plainte…I» (1990-1993) per flauto solo di Klaus Huber, dedicato alla memoria di Luigi Nono. Né si devono sottovalutare le «Tre Romanze» op. 94 di Schumann, in cui il flauto si trova a sfidare le proprie possibilità di evocazione espressiva sostituendo l’originale parte prevista da Schumann per l’oboe.

Dopo la laurea in filosofia e aver vinto il premio Kranichsteiner di Darmstadt, Caroli ha avviato una carriera solistica internazionale versatile che gli ha permesso di coprire un vasto repertorio, con predilezione per il mondo contemporaneo. È divenuto così interprete di riferimento per molti compositori e le sue letture, appoggiate a uno spettacolare virtuosismo e a una vibrante personalità, gli hanno permesso di occupare un posto ormai stabile nell’interpretazione flautistica e di essere presente con regolarità nei maggiori festival di tutto il mondo. Ha fatto parte di Ensemble Prometeo e ha registrato una quarantina di dischi. Vive a Strasburgo, dove insegna flauto al Conservatorio, ed è titolare della cattedra di Flauto alla Hochschule für Musik Freiburg in Bresgovia. Suona un flauto Miyazawa in platino.

La pianista Akiko Okabe ha cominciato a sviluppare il proprio interesse per la musica contemporanea durante il periodo di studi con James Avery alla Hochscule für Musik Freiburg, avvicinandosi alle composizioni di Mathias Spahlinger. Ha poi approfondito la frequentazione della musica contemporanea alla Hochschule für Musik Saar, e grazie proprio a questo suo impegno ha ricevuto numerose dediche da parte di compositori come Furrer, Haas, Mundry, Sciarrino e Spahlinger. Dal 2003 ha avviato un’intensa collaborazione con vari coreografi, specialmente Amanda Miller, Rick Kam e Emi Miyoshi, con i quali ha prodotto singolari lavori d’interazione fra pianoforte e danza. È componente dell’Ensemble Aventure e ha all’attivo numerose registrazioni, apparizioni televisive e concerti radiofonici.

Prima del concerto…
Poco prima dell’inizio del concerto, alle ore 19:30, Giuseppe Martini incontrerà il pubblico di Traiettorie presso il Caffè del Prato: sarà l’occasione per scambiarsi impressioni, consigli per l’ascolto e per bere insieme un calice di vino.

L’incontro sarà accompagnato da un aperitivo gentilmente offerto dal Caffè del Prato.

Biglietteria
I biglietti saranno disponibili il giorno del concerto presso la reception della Casa della Musica (Piazzale San Francesco 1, 43121 Parma) a partire dalle ore 19:15 e in prevendita su Vivaticket.

Costi dei biglietti
Intero: € 15
Ridotto generico: € 10 (over 65 e soci TCI)
Ridotto studenti: € 5 (studenti universitari e del Conservatorio)
Omaggio: under 18

Per informazioni
Fondazione Prometeo
tel. 0521 708899 – cell. 348 1410292
e-mail: info@fondazioneprometeo.org

Link utili  
http://www.fondazioneprometeo.org
https://www.facebook.com/festivaltraiettorie/
https://twitter.com/f_prometeo
https://www.instagram.com/fondazione_prometeo/
https://www.youtube.com/user/FondazionePrometeo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *