Traiettorie 2020 – Concerto Court-circuit

Traiettorie 2020 – Concerto Court-circuit

Traiettorie 2020 – Concerto Court-circuit
XXX Rassegna Internazionale di Musica Moderna e Contemporanea

Mercoledì 30 settembre 2020
Parma – Teatro Farnese, ore 20:30

Court-circuit

Programma della serata:

Philippe Leroux (1959)
Postlude à l’épais (2016)
per flauto, clarinetto, violino, violoncello e pianoforte

Jean-Luc Hervé (1960)
Amplification/propagation III b (2007)
per violino, viola, violoncello e pianoforte

Philippe Hurel (1955)
So nah, so fern (2016)
per flauto, clarinetto, violino, viola, violoncello, pianoforte e percussioni
*Prima esecuzione italiana

Bertrand Dubedout (1958)
Zazpiak Z (2014)
per flauto, clarinetto, violino, violoncello e pianoforte
*Prima esecuzione italiana

Christophe Bertrand (1981-2010)
Satka (2008)
per flauto, clarinetto, violino, violoncello, pianoforte e percussioni

Organico:
Jérémie Fèvre, flauto
Pierre Dutrieu, clarinetto
Alexandra Greffin-Klein, violino
Laurent Camatte, viola
Alexis Descharmes, violoncello
Jean-Marie Cottet, pianoforte
Ève Payeur, percussioni

Jean Deroyer, direttore

 

Dopo l’anteprima open air del 29 agosto tutta dedicata alle percussioni, la rassegna internazionale di musica moderna e contemporanea Traiettorie prende avvio, inaugurando il suo trentesimo anno di vita mercoledì 30 settembre 2020 alle ore 20:30 nel Teatro Farnese di Parma con l’ensemble Court-circuit in un concerto interamente dedicato alla musica francese degli ultimi tredici anni.

Il ruolo della Francia nella modernità è inaggirabile, da Debussy e Ravel fino all’enorme peso della figura di Pierre Boulez e del suo entourage nel secondo dopoguerra, ma qui la proposta si appunta sulle ultime tendenze, che raccolgono certi indirizzi imposti nel pensiero musicale proprio da Boulez rimeditandoli però attraverso la disponibilità alle esperienze più disparate. Si noti poi che dei cinque compositori proposti, quattro appartengono alla prima generazione successiva le novità delle prime avanguardie postbelliche, e il solo Christophe Bertrand, scomparso nel 2010 ad appena trent’anni, con «Satka» del 2008 dimostra gli influssi di processi matematici come le sequenze di Fibonacci, che hanno avuto molta fortuna negli ultimi anni nel mondo della musica contemporanea. Quanto agli altri, verranno proposti in prima italiana «So nah, so fern» di Philippe Hurel, fondatore di Court-circuit, omaggio al compositore Luc Brewaeys scomparso nel 2015, e «Zazpiak Z» (2014) di Bertrand Dubedout, un pezzo sull’esplorazione degli effetti emotivi delle lunghezze sonore. Completano il programma lo studio di manipolazione sonora «Postlude à l’épais» (2016) di Philippe Leroux e lo spazializzante «Amplification/propagation III b» (2007) di Jean-Luc Hervé.

Court-circuit è stato fondato nel 1991 da Hurel e Pierre-André Valade, e si è segnalato subito come ensemble elettivo per la sperimentazione musicale. Del resto, fondato “da compositori per compositori”, la committenza di nuovi pezzi ha subito contrassegnato la sua cifra d’impegno e la sua identità artistica incisiva. In questo modo ha ottenuto inviti nei maggiori festival e nelle maggior istituzioni internazionali, fra cui IRCAM, Opéra, Radio-France et Cité de la Musique di Parigi, Musica di Strasburgo, Festival d’Aix-en-Provence, MaerzMusik (Berlino), Traiettorie, Roma Europa, Music Factory di Bergen, Wien Modern, Darmstadt. L’ensemble lavora in progetti interdisciplinari, in ciné-concert e ha collaborato a prime di balletti dell’Opéra di Parigi. Ha registrato brani di Bertrand, Blondeau, D’Adamo, Fineberg, Grisey, Hervé, Hurel, Leroux, Matalon, Monnet, Murail, Schneller e Reynolds.

Il concerto è realizzato grazie al supporto della Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea.

L’ensemble Court-circuit è stato sostenuto da Mécénat Musical Société Général per la realizzazione di questo concerto.

 

Biglietteria  
È possibile acquistare il biglietto in prevendita sul sito Vivaticket o – il giorno del concerto, a partire dalle ore 19:30 – presso la biglietteria del Teatro Farnese (Piazzale della Pilotta 15, 43121 Parma).
Si rammenta che a causa delle norme di distanziamento la capienza sarà ridotta, ed è consigliabile l’acquisto online per assicurarsi il posto. Inoltre, per evitare code e assembramenti, s’invita lo spettatore a presentarsi presso il luogo dello spettacolo minimo 20 minuti prima dell’inizio della rappresentazione.
Le misure di sicurezza per accedere agli spettacoli sono consultabili al sito http://www.fondazioneprometeo.org

Costi dei biglietti
Intero: € 25
Ridotto generico: € 20 (over 65, soci TCI e FAI)
Ridotto studenti: € 10 (studenti universitari e del Conservatorio)
Omaggio: under 18

Per informazioni
Fondazione Prometeo
tel. 0521 708899 – cell. 348 1410292
e-mail: info@fondazioneprometeo.org

Link utili  
http://www.fondazioneprometeo.org
https://www.facebook.com/festivaltraiettorie/
https://twitter.com/f_prometeo
https://www.instagram.com/fondazione_prometeo/
https://www.youtube.com/user/FondazionePrometeo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *