TRAIETTORIE RIPARTE CON SEI CONCERTI

TRAIETTORIE RIPARTE CON SEI CONCERTI

Duecentosettanta concerti in ventinove anni, centoquaranta fra ensemble e solisti ospitati – molti tornati più volte – e oltre milleduecento pezzi eseguiti: la rassegna di musica moderna e contemporanea «Traiettorie» celebra il proprio terzo decennio di vita con alle spalle numeri impressionanti, che dimostrano come, pur nata e cresciuta fuori dai circuiti metropolitani, si sia assestata come una delle più prestigiose e riconosciute manifestazioni in Europa dedicate alla scena musicale di oggi.

Nata all’alba dell’ultimo decennio del Novecento con un memorabile concerto dedicato a Luigi Nono, «Traiettorie» ha saputo conquistare nel tempo un proprio pubblico, ampliandolo sempre di più e contribuendo in maniera significativa ad avvicinare molti ascoltatori alla musica contemporanea, di cui ha nei fatti colmato l’assenza nella vita musicale di Parma fino a quel momento.

 

L’interazione con il tessuto culturale cittadino fa di Traiettorie quel festival che si dedica al confronto con la propria comunità di riferimento dialogando su più fronti. La “Fondazione Prometeo” che cura “Traiettorie” afferisce alla grande famiglia di “Italiafestival”, l’associazione multidisciplinare che dal 1987 è formata da alcuni tra i più prestigiosi festival italiani che operano nell’ambito musicale, teatrale, delle arti performative e della danza, della letteratura e di altre manifestazioni artistiche.

 

Per celebrare questo trentesimo anno di vita Fondazione Prometeo, che organizza la rassegna, e Martino Traversa, che ne è il fondatore e direttore artistico, avevano preparato un’edizione spalmata eccezionalmente su circa un semestre fra maggio e ottobre, anziché concentrata nell’autunno come da tradizione: non solo per festeggiare in forme adeguate, ma anche per unirsi con entusiasmo alle dinamiche di Parma 2020+21. La situazione di emergenza sanitaria ha purtroppo comportato l’annullamento di due concerti (Ensemble Prometeo – diretto da Marco Angius – ed Ensemble MusikFabrik) impedendo la realizzazione dell’edizione nella sua forma integrale. Ma «Traiettorie» non si ferma e riparte a settembre con sei concerti che si terranno tra il Teatro Farnese, la Casa della Musica e il Teatro Due, con programmi che mescolano autori provenienti in gran parte dai tre principali filoni della cultura musicale del secondo Novecento – Italia, Francia e Germania – e con la proposta di sei prime italiane e una prima assoluta (Pierre-Alain Monot).

 

Data l’importanza di questa edizione, i sei concerti autunnali sono stati eccezionalmente preceduti da un’anteprima: sabato 29 agosto nel Cortile del Guazzatoio del Complesso Monumentale della Pilotta – a conferma del solido rapporto che lega ormai da anni questa istituzione e la rassegna – si è presentato per la prima volta il trio di percussioni ZAUM_percussion (Simone Beneventi, Carlota Cáceres e Matteo Savio), con un singolare concerto che ha proposto «Okho», brano composto da Iannis Xenakis per un’altra celebrazione storica, il bicentenario della Rivoluzione Francese, a fianco di «Reflets en trio» di Carlos Roqué Alsina e «Tribadabum» di Vinko Globokar, proposto al pubblico nella versione che prevede sul palco, oltre ai tre percussionisti, il coinvolgimento di partecipanti selezionati tramite una call for performer. Il concerto è inoltre parte del più ampio progetto “Polifonia Interattiva”, ideato da Fondazione Prometeo in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21.

Dopo l’inaugurazione della rassegna di mercoledì 30 settembre al Teatro Farnese con Court-circuit, l’ensemble diretto da Jean Deroyer, giovedì 8 ottobre sarà la volta di Florent Boffard che con il suo pianoforte legherà il mondo del virtuosismo ottocentesco (due Studi di Chopin) al Novecento tramite György Ligeti («Fanfares» dal primo libro degli Studi) e Claude Debussy, di cui tre studi, qui eseguiti, sono presi a riferimento da Marco Stroppa per i suoi «Trois Études». Del compositore veronese si potrà ascoltare anche il nuovo studio «Pour les Sixtes insoumises», in prima italiana; la seconda parte presenta due brani del filone «seriale» del pianismo novecentesco (la Suite op. 25 di Schönberg e la Sonata di Berg) e uno dei brani che registrano l’adesione di Boulez ai principi dell’aleatorierà e imprevedibilità esecutiva: «Formant 2: Trope» tratto dalla Terza Sonata.

Lunedì 12 ottobre sale sul podio Marco Angius, questa volta alla guida dell’Orchestra di Padova e del Veneto di cui è direttore musicale e artistico da cinque anni, con un programma che intreccia Bach, Stravinskij, Hindemith, Schönberg e un nuovo arrangiamento, composto da Pierre-Alain Monot e qui eseguito in prima assoluta, delle «Variazioni per orchestra» di Webern. Quest’ultimo è del resto, dopo Kurtág e Berio, il compositore più eseguito in questi trent’anni di «Traiettorie», una classifica che vede nei primi dieci posti anche uno dei maestri più influenti del Novecento, Pierre Boulez. E proprio Ensemble Intercontemporain, l’orchestra da camera fondata da Boulez, ancora punto di riferimento nel mondo dell’esecuzione della musica contemporanea, sarà ospite per la prima volta a «Traiettorie» martedì 20 ottobre, con brani dello stesso Boulez, di Lachenmann, Carter, Chaigne, Chihara, Traversa e Schöllhorn.

La rassegna si chiude con un doppio concerto di Ensemble Nikel, quartetto di sassofono, chitarra elettrica, pianoforte e percussioni. Nel primo, giovedì 29 ottobre alla Casa della Musica, partner tradizionale e ormai solidissimo che ospita da anni i cartelloni di «Traiettorie», saranno proposte le prime italiane di Hugues Dufourt e di Enno Poppe e un pezzo di Marco Momi.

Il secondo, che concluderà la rassegna il 30 ottobre a Teatro Due, presenterà la prima italiana di «bright Darkness» dell’austriaco Klaus Lang.

 

La realizzazione della rassegna «Traiettorie», partner di Italiafestival, è possibile grazie al sostegno di enti che credono, da decenni, nel valore culturale dell’operazione. Il Comune di Parma, la Casa della Musica di Parma, la Regione Emilia-Romagna, il Complesso Monumentale della Pilotta, la Fondazione Teatro Due, l’Università degli Studi di Parma, la Fondazione Cariparma, la Fondazione Monteparma, Chiesi Farmaceutici, la Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea, Symbolic, Sina Hotel Palace Maria Luigia, MACROCOOP – Servizi per la comunicazione, sono le fondamenta necessarie per realizzare eventi di spessore culturale alto. Media partner come Rai Radio3 e i Magazzini Sonori chiudono il cerchio di un’organizzazione impeccabile che si ripete da ben trent’anni.

 

Per informazioni

Fondazione Prometeo

tel. 0521 708899 – cell. 348 1410292

e-mail info@fondazioneprometeo.org

 

Link utili  

http://www.fondazioneprometeo.org

https://www.facebook.com/festivaltraiettorie/

https://twitter.com/f_prometeo

https://www.instagram.com/fondazione_prometeo/

https://www.youtube.com/user/FondazionePrometeo